archivio

Archivi tag: fantasmi

Ecco una serie di storie di fantasmi cinematografici, tra alti e bassi.
The Haunting è un film datato 1999 prodotto dalla Dreamworks a sua volta remake di un film dei primi anni Sessanta.
Tutto è incentrato intorno ad una casa che molti dicono essere stregata, in cui uno studioso di fenomeni occulti attira alcune persone. Tra di loro c’è Nell, una ragazza reduce da una vita triste dedita alla madre ammalata, che si rivela poi la chiave catalizzatrice di tutto.
Il film esagera nel finale, con troppi effetti speciali da videogames, ma la casa è a dir poco splendida, e gli effetti speciali sono comunque interessanti da considerare. Nell è interpretata da Lily Taylor, già vista nello splendido episodio della quinta stagione di X-Files Mind’s eyes.
Il sesto senso è forse uno dei più bei film fantastici degli ultimi anni. Ambientato in una Filadelfia spettrale vede uno psichiatra infantile alle prese con un piccolo paziente che sostiene di vedere i morti e che per questo problema rischia di vedere rovinata la sua vita. Ma non sa che nella sua esistenza stessa c’è qualcosa di inspiegabile.
La trama è molto affascinante, e più di una volta si salta sulla sedia: peccato solo che su vari giornali scrissero il colpo di scena finale..
The others è un autentico gioiello del cinema fantastico, con una Nicole Kidman mai così bella e brava. L’atmosfera riecheggia film come Suspense e storie come Il giro di vite, ma la storia è originale, sospesa in un limbo senza tempo. La casa è la grande protagonista della vicenda, ma tutti concorrono a rendere il film davvero indimenticabile, facendo capire che le storie di fantasmi si possono davvero raccontare da tanti punti di vista.
Le verità nascoste è un’efficace ghost story interpretata dall’inedita coppia Harrison Ford e Michelle Pfeiffer. L’atmosfera, una villa sulle rive del lago, è eccezionale, la tensione sale in continuazione, ci sono citazioni da Psyco, da La finestra sul cortile e da La donna che visse due volte, ma tutte molte equilibrate. Peccato per un finale un po’ affrettato (ma bella l’ultima sequenza!) e magnifica comunque l’atmosfera.