Parlando di fantasy non si può non incappare nel personaggio di Conan, creato da Robert Edwin Howard, autore popolare molto prolifico, morto suicida a soli trent’anni nel 1936 e che come destino mi ha ricordato non poco il nostro Emilio Salgari.
Di Conan sono state fatte varie edizioni, io ho trovato quelle della Fanucci, raccolte di storie brevi, come Conan il cimmero, l’avventuriero, Il regno di Conan, L’era hyboriana di Conan, e mi sono abbastanza divertita in questo mondo pre atlantidea, con personaggi molto manichei ma capace di appassionare.
Molto divertenti anche i film di Conan con Arnold Schwarzenegger, prima che diventasse un leader repubblicano reazionario e omofobo, e quando era un’icona del culturismo molto autoironico e simpatico. Tra l’altro sono film fatti senza computer graphic e altre diavolerie, e fatti bene, con cose che anticipano lo stile di Sam Raimi con Xena e Hercules. Il remake non è poi così male, pur essendo un remake, soprattutto perché non tradisce l’opera originale, anche se perde in ingenuità a favore di effetti da videogioco e simili.
Sgalfio, invece, il film Yado, ispirato ad un’altra eroina di Howard, Red Sonja, portata sullo schermo da un’inespressiva anche se statuaria Brigitte Nielsen. Dopo aver visto Xena non si fa certo una gran figura, a Red Sonja hanno dato maggior lustro i fumetti che sono usciti poi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: